Il liceo scientifico

il Liceo Scientifico Elisabetta Renzi

due percorsi

1. Liceo scientifico delle lingue e della comunicazione (già attivo)

2. Liceo scientifico della ricerca e del progetto (dall'a.s. 2017/2018)

Il nuovo profilo eredita il patrimonio di esperienze didattiche/laboratoriali costruito negli anni per portare gli studenti al sapere attraverso il fare.

Questi due nuovi percorsi arricchiscono il tradizionale percorso con:

 alte competenze scientifico-matematiche

 una seconda lingua a scelta tra francese, spagnolo e tedesco

 potenzia l'inglese preparando agli esami Cambridge

 sviluppa le attitudini alla ricerca

 conferisce competenze tecnologiche-progettuali e innovative


Offerta formativa

Il Liceo Renzi, con la sua articolata offerta, la professionalità dei docenti e un complesso di nuove metodologie d’insegnamento-apprendimento, favorisce la formazione integrale della persona, anche mediante l’utilizzo di avanzate tecnologie.
Nel BIENNIO persegue, prioritariamente, il massimo sviluppo delle abilità logico-linguistiche e l’acquisizione di un metodo di studio; nel TRIENNIO la capacità di sintesi, di rielaborazione critica e di ricerca di soluzioni alternative; sempre accompagna nello sviluppare consapevolezza ed autonomia e nel coniugare tradizione e innovazione.
Il Renzi privilegia la qualità delle conoscenze e lo sviluppo di abilità logico-progettuali per l’acquisizione di competenze spendibili a tutto campo nel mondo del lavoro.

Scarica la proposta formativa 2017/2018


Liceo scientifico della ricerca e del progetto

LE SCIENZE AL RENZI

iart2325_foto1.jpg

Matematica, Informatica, Fisica, Chimica, Biologia, Tecnologie, Rappresentazione, …  sono, per loro natura sperimentali, richiedono un impegno pratico: lo sviluppo di abilità operative che diventano, via via, “strumenti”,competenze per capire la realtà, osservandola, non distrattamente, ma con attenzione e con passione; strumenti per liberare la curiosità naturale dei ragazzi ed abituarli a ricercare, con metodo e a partire dagli effetti osservabili, le cause che si celano dietro ogni fenomeno: un terremoto, il rotolare naturale delle cose lungo un piano inclinato, la bellezza delle alte scogliere norvegesi ...

La chiave di un insegnamento efficace è costruire le attività di apprendimento a partire da ciò che gli alunni conoscono, per indurli poi a spostare lo sguardo ad analizzare il problema da altre prospettive. A partire dallo stupore, ogni processo di conoscenza è affascinante e possibile. Il procedimento è induttivo, l'esplorazione autonoma, il confronto con i "problemi" è attivo …, l'apprendimento diventa significativo.

Attraverso il fare esperienza in laboratorio ed una modalità di lavoro ipotetica strutturata dal docente, l'allievo scopre i principi base e le relazioni concettuali di un certo dominio di conoscenze, anche senza che queste gli siano state presentate esplicitamente; l’alunno semplicemente e naturalmente “scopre”, mediante l'uso di modelli reali o virtuali.

Il passare dall'aspetto teorico delle discipline ad un apprendimento pratico, implica un lavoro interdisciplinare a più livelli, che comprende anche lo sviluppo di abilità di tipo informatico: realizzazione di software per la gestione di sensori o programmazione di applicazioni web-oriented.

Utilizzando linguaggi e saperi diversi, i ragazzi si abituano a trovare punti di contatto tra materie afferenti allo stesso ambito e sviluppano abilità pratiche grazie all'utilizzo di piattaforme di prototipazione, come per esempio Arduino, che permettono di gestire segnali prodotti da sensori termici, di movimento, ecc., realizzare strumenti di laboratorio (come uno spettrofotometro) o sviluppare applicazioni nell’ambito della robotica. Il piacere della scoperta si unisce così alla soddisfazione di avere in mano qualcosa di generato dal proprio fare.

Scarica la presentazione


Liceo scientifico delle lingue e della comunicazione

iart2324_1.jpg

Per non perdere mai di vista la propria identità e le finalità del suo esistere, il Liceo Renzi costantemente si rinnova per rispondere alle esigenze fondamentali della persona, chiamata a interagire positivamente in una società globalizzata e sempre in divenire. Le Lingue sono corredo imprescindibile alla comprensione e alla partecipazione di quanto l’uomo genera sia come pensiero, sia come produzione di beni materiali. La conoscenza è indispensabile per dialogare da uomini liberi.
Senza nulla togliere alla formazione umanistica, peculiarità delle scuole Maestre Pie, e senza snaturare la specificità del Liceo Scientifico, anzi proprio per potenziare l’una e l’altra, offrendo nuovi strumenti di critico confronto e di riflessione, il Renzi ha ampliato lo studio delle Lingue, al di là di ogni obbligatorietà ministeriale.

LINGUA INGLESE

L’Inglese  occupa 6 ore curricolari nel biennio e 6 ore nei 3 anni a seguire, percorrendo un duplice binario:

a)  la preparazione alla certificazione Cambridge: PET, FCE, CAE;

b)  la preparazione agli esami internazionali IGCSE, la cui certificazione è riconosciuta come titolo preferenziale per accedere alle più prestigiose università del mondo.

Gli esami IGCSE corrispondono al O Level, esami sostenuti dai Britannici intorno ai 17 anni.

Per facilitare la padronanza della lingua inglese, annualmente, si dà vita ad una settimana presso una scuola inglese, a scambi culturali a livello di classe ed anche individuali, a vacanze studio o a  stages di alternanza scuola – lavoro in Inghilterra .

SECONDA LINGUA: FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO

Volendo tesorizzare l’impegno dell’apprendere una seconda lingua nella secondaria di I grado, il Liceo Renzi ha conservato, per i cinque anni di corso, la  seconda lingua, da scegliere liberamente tra Spagnolo, Tedesco, Francese, in modo da soddisfare gli interessi e le attitudini dei ragazzi.

I docenti della seconda lingua preparano, annualmente,  alla rispettiva certificazione: DELE, Goethe Zertifikat, DELF -  abituando così i ragazzi al superamento degli ostacoli e al misurarsi con la valutazione conferita loro da enti esterni.

Anche la seconda lingua può far parte degli esami IGCSE

Scarica la scheda di presentazione


Modulo propedeutico: Ingegneria edile Architettura

dopo dieci anni di studi e percorsi laboratoriali

 

iart283_marilina_disegno_informatica.jpg


… possiamo dire che il disegno, l’arte e l’architettura sono entrati a far parte di ogni disciplina insegnata. il disegnare richiede, infatti, l’aver compreso almeno un frammento di vita tanto da possederlo dentro di sé.

(da Disegno e Rappresentazione, Quaderni Maestre Pie, 2006)

 il Liceo Renzi offre agli studenti interessati moduli propedeutici alle Facoltà di Ingegneria edile e Architetturainfatti si è venuto a creare, per naturale passione eclettica, sempre nel rispetto del rigore scientifico, un filone interdisciplinare orientato all’artistico espressivo.


Gli studi e i percorsi laboratoriali sono testimoniati dai volumi:

1. Bologna: la forma della città (1999)

2. Architetture teatrali (2000) 

3. La costruzione della città ideale (2002)

4. Il clip video sulla bellezza (2006) 

5. Il manuale disegno e rappresentazione (2006)

6. Laboratori-Amo, (2007)

7. La mostra e il catalogo sulla storia e l’arte europea, Unità nella diversità (2007)

8. San Petronio, percorsi per un duomo non‐finito (2008)

9. Una scuola alla scuola di Guglielmo Marconi (2010)

10. Fermati o Terra! Galileo uomo e scienziato


Profilo dello studente

Il liceo Renzi e la formazione della persona

Al liceo Renzi, sei libero di scegliere il tuo futuro e di farlo grande con le tue mani; e sarà bello poter dire in prima persona: mi protendo in avanti e voglio crescere, per poter avere radici ed ali.

 

Al di là della specificità delle singole materie i principali obiettivi interdisciplinari sono:


- consolidare e sviluppare le conoscenze e le abilità di base
- "appropriarsi" di un vocabolario sempre più ampio e attinente ai vari ambiti culturali

- conseguire consapevolezza ed autonomia nell'operatività e un adeguato metodo di studio
- acquisire capacità di analisi degli elementi, delle relazioni e di sintesi critica
- riproporre i contenuti in forma personale e motivata

- proporre soluzioni alternative, giustificando scelte e percorsi
- individuare le interconnessioni tra dati, fatti, fenomeni
- perfezionare il metodo di ricerca e di rappresentazione della realtà

 

Profilo biennio

Il Liceo Scientifico Renzi opera affinché i suoi allievi, al compiersi del biennio, perseguano il massimo sviluppo delle abilità logico-linguistiche e l'acquisizione di un metodo di studio, mediante l'azione sinergica del Consiglio di Classe.

 

Profilo triennio

Il Triennio, pur lavorando ancora per lo sviluppo e il consolidamento degli obiettivi conseguiti, mira a portare al massimo sviluppo la capacità di sintesi, di rielaborazione critica e ricerca di soluzioni alternative. Massima importanza è data allo sviluppo delle abilità e all'acquisizione delle competenze, che facilitano il proseguimento autonomo nell'apprendimento.


Tempo della scuola

Servizi

iart194_studenti_in_biblio.jpg 

 

 





Oltre la scuola